mercoledì 21 marzo 2012

Punto Caterina de’ Medici. La storia. Gli schemi.

Il libro inizia con una breve storia delle origini di questa tecnica, consigli sul tessuto adatto (il buratto) ed il filato, per poi proseguire con spiegazioni molto dettagliate dell’esecuzione. Immagini fotografiche in bianco e nero, ma molto chiare, ci illustrano anche l’esecuzione degli orli caratteristici di questa tecnica, nonché due esempi di nappine. Le restanti pagine (circa 65) sono dedicate agli schemi, facilmente riproducibili perché stampati su un fondo quadrettato. Indispensabile per chi è incuriosito dalle tecnica “Caterina de Medici” e vuole muovere i primi passi da autodidatta. Pochissime le fotografie (solo quattro) dei lavori.

Punto Caterina de’ Medici. La storia. Gli schemi. 2004 - Giuseppa Federici
Seguono altri due libri scritti dalla stessa autrice:

Punto Caterina de’ Medici. Secondo album degli schemi. 2005

Tantissimi schemi più o meno complicati, ma tutti stampati su fondo quadrettato che non necessitano di ingrandimento. Interessanti le fotografie che ci illustrano il “dritto”ed il “rovescio”del lavoro, in questo modo anche un’autodidatta può valutare la propria esecuzione. Brevi cenni storici all’inizio del libro.


Punto Caterina de’ Medici. Terzo album degli schemi. 2006

In questa pubblicazione l’autrice ci presenta una serie di schemi decisamente più complessi (necessitano un ingrandimento) molto adatti per tende e tovaglie. Sono presenti alcune foto di lavori di antica e nuova esecuzione dai quali prendere spunto. Consigliato a chi vuole cimentarsi con progetti importanti.

3 commenti:

  1. Ricamo delizioso, ho tutti i 3 libri della signora Federici avrei però una curiosità se è possibile eseguire con questo ricamo le iniziali.
    Lauretta

    RispondiElimina
  2. Iniziali a punto Madama... non ricordo di averne mai viste, ma perche' non provare??? Credo che gli schemi per il punto croce potrebbero andare bene almeno per iniziare, magari cercando delle lettere in "stile" col punto Caterina de' Medici e ricamando ovviamente solo il contorno. Se fai un "esperimento" credo siamo tutte interessate a vederlo!!! Maria Rosaria

    RispondiElimina
  3. Mi ero persa questo post, il punto che proponete è di magnifico effetto. Forse dovrei provare anche questo!

    RispondiElimina